Saeed-bin Jubair

Saeed-bin Jubair
2 1

Saeed-bin Jubair

 Saeed-bin Jubair
Saeed-bin Jubair

Una narrazione di Saeed-Bin-Jubair, un famoso tabi. Il Profeta (pbuh) disse:
« Dire la verità a un tiranno è la migliore Jihad ».
Questa è la storia di una tale Jihad. A quel tempo era al potere Hajjajbin-yusuf, il famigerato Dicembre di Sangue. La durezza e la tirannia
degli Hajjaj sono ben note nella storia dell’umanità. I governanti di quel
tempo, nonostante le loro mancanze, non rimasero mai indietro nella
propagazione della fede, ma noi li trattiamo come i peggiori tra i gover- nanti a causa del contrasto con i governanti giusti e timorati di Dio. Era
il viceré del re Abdul Malik-Bin-Marwan per il Hijaz e l’Iraq. Il re viveva
a Damasco e Hajjaj aveva il suo quartier generale a Koofah. Saeed-BinJubair aveva combattuto contro Hajjaj dalla parte di Ibnul-Ashath. Dopo
la sconfitta, Saeed (Rahmatullah Alaih) fuggì e chiese asilo alla Mecca. Il
governo nominò una persona molto severa come governatore di Makkah
con l’ordine di arrestare Saeed. Il governatore radunò tutto il popolo di
Makkah e lesse davanti a loro l’ordine del re Abdul Malik, che diceva:
« Chiunque dia rifugio a Saeed (Rahmatullah alaih) incontrerà lo stesso
destino di Saeed stesso. ».
Poi annunciò al popolo:
« Per Allah, devo uccidere la persona che dà rifugio a Saeed (Rahmatullah
alaih). Le case dei suoi vicini verranno rase al suolo ».
Saeed fu arrestato con grande difficoltà e inviato a Koofah. Quando
fu portato davanti ad Hajjaj, ebbe luogo la seguente conversazione:
Hajjaj: « Qual è il tuo nome »?
Saeed: « Il mio nome è Saeed (lett. di buon auspicio) ».
Hajjaj: « Qual è il nome di tuo padre »?
Saeed: « Jubair (lett. “gigante”) ».
Hajjaj: « No, tu sei in realtà Shaqi (figlio di Kusair), figlio di Kusair (figlio
di una cosa rotta). ».
Saeed: « Mia madre conosceva il mio nome meglio di te ».
Hajjaj: « Sei infelice e lo è anche tua madre. ».
Saeed: « Chi conosce le cose nascoste è qualcun altro».
Hajjaj: « Guarda! Ti ho messo a ferro e fuoco ».
Saeed: « Quindi mia madre ha fatto bene a darmi questo nome ».
Hajjaj: « Ti manderò all’inferno ».
Saeed: « Se avessi saputo che avevi questo potere, ti avrei accettato come
Dio. ».
Hajjaj: « Qual è la tua fede nel Profeta (SAW)?»?
Saeed: « Era un apostolo della misericordia e un profeta di Allah, inviato
con la migliore guida per tutta la creazione. ».
Hajjaj: « Che ne pensi dei khalifas »?
Saeed: « Non sono un guardiano per loro. Ognuno è responsabile delle
proprie azioni ».
Hajjaj: « Chi è il più eccelso dei quattro khalifa? »?
Saeed: « Colui che è stato in grado di compiacere Allah più degli altri »?
Hajjaj: « Chi di loro avrebbe potuto piacere ad Allah »?
Saeed: « Questo lo sa solo lui. Chi sa cosa si nasconde nei petti e cosa
nascondono i cuori? ».
Hajjaj: « Ali è in paradiso o all’inferno »?
Saeed: « Posso rispondere solo dopo aver visitato entrambi i luoghi e aver
incontrato i loro abitanti. ».
Hajjaj: « Come me la caverò nel giorno del giudizio? »?
Saeed: « Non sono adatto a ricevere la conoscenza dell’invisibile. »?
Hajjaj: « Non hai intenzione di dirmi la verità ».
Saeed: « Ma non ho nemmeno detto una bugia ».
Hajjaj: « Perché non ridi mai »?
Saeed : « Non vedo cosa ci sia da ridere; e del resto perché dovrebbe
ridere uno che è stato creato dalla polvere, che deve apparire nel giorno
del giudizio e che è sempre circondato da tribolazioni. ».
Hajjaj: « Ma io rido ».
Saïd : « Allah ci ha creato con temperamenti diversi ».
Hajjaj: « Ora ti ucciderò ».
Saïd : « Il tempo e il modo della mia morte sono già stati decretati ».
Hajjaj: « Allah mi ha preferito a te ».
Saïd : « Nessuno può essere orgoglioso del suo rapporto con Allah, se non
conosce la sua posizione; e Allah è l’unico conoscitore dell’invisibile. ».
Hajjaj: « Perché non dovrei essere orgoglioso del mio rapporto con Allah,
quando io sono con l’Amir-ul-Mominin e tu sei con i ribelli? »?
Saïd : « Sono d’accordo con gli altri musulmani. Io stesso fuggo dal male,
ma nessuno può cambiare il decreto di Allah. ».
Hajjaj: « Che dire di ciò che raccogliamo per Amir-ul-Mominin »?
Saïd : « Non so che cosa collezioni per lui ».
Hajjaj fece prendere oro, argento e abiti dal tesoro e li mostrò a Said.
Saeed : « Sono utili, a condizione che possiate ottenere con essi ciò che
vi darà pace nel Giorno del Giudizio, quando ogni madre che allatta
dimenticherà le sue cure e ogni donna incinta sarà liberata dal suo
fardello, e quando nient’altro che il bene vi sarà utile. ».
Hajjaj : « Le nostre raccolte non sono buone »?
Saïd : « Voi li avete raccolti, e siete il miglior giudice ».
Hajjaj: « Desiderate una di queste cose per voi stessi »?
Saïd : « Amo solo le cose che Allah ama ».
Hajjaj : « Guai a te »!
Saïd : « Guai a chi è privato del paradiso ed è costretto ad entrare nell’in- ferno ».
Hajjaj (Annoiato) : « Dimmi, come posso ucciderti? »?
Saeed : « Come vorresti essere ucciso te ».
Hajjaj : « Dovrei perdonarti »?
Saïd : « Il perdono di Allah è reale. Il vostro perdono non ha valore ».
Hajjaj: « (Al boia): “Uccidete quell’uomo. »
Saeed rise mentre veniva portato via per essere giustiziato. Hajjaj ne fu
informato. Lo richiamò ».
Hajjaj: « Cosa vi ha fatto ridere »?
Saïd : « La vostra audacia nei confronti di Allah e la Sua misericordia nei
vostri confronti ».
Hajjaj : « Uccido una persona che ha causato dissenso tra i musulmani ».
(Al boia) « Uccidilo prima che lo faccia io».
Saeed : « Lasciatemi dire il mio Salat di due rakaat ».
Dopo aver completato la Salat, si rivolse alla Qiblah e recitò:
« In verità, ho rivolto il mio sguardo verso di lui, che ha creato i cieli e la
terra come una cosa sola per natura, e non sono tra gli idolatri ».
Hajjaj : « Allontanatelo dalla nostra Qiblah e lasciate che affronti la Qiblah
dei cristiani, che ha anche causato dissensi e lotte all’interno della loro
comunità. ».
Il suo volto si girò immediatamente dall’altra parte.
Saïd : « Ovunque ci si giri, c’è il volto di Allah. Allah è onnisciente e
onnipotente. ». (Corano 2:115)
Hajjaj : « Fatelo adagiare sul viso. Siamo responsabili esclusivamente
dell’aspetto ».
Saeed fu costretto a sdraiarsi a faccia in giù.
Saïd : « Dalla terra ti abbiamo creato, in essa ti trasformeremo e da essa
ti faremo riemergere. ». (Corano 20:55)
Hajjaj: « Uccidetelo »!!
Saïd : « Porto testimonianza di ciò che recito: “Porto testimonianza che
non c’è altro dio all’infuori di Allah, che è l’unico e non ha compagni,
e porto testimonianza che Muhammad (SAW) è il Suo schiavo e il Suo
Messaggero”.».
Poi fu decapitato – Inna lillahi wa Inna ilaihi rajeun – A Dio apparteniamo
e a Lui ritorniamo.
Dopo l’esecuzione, dal corpo di Saeed uscì troppo sangue. Lo stesso Hajjaj
ne rimase stupito. Chiese ai suoi medici il perché, e loro risposero: “La sua
calma e la sua compostezza al momento della morte avevano mantenuto
il suo sangue nella sua forma originale”. In genere, le persone che devono
essere giustiziate sono così spaventate e impaurite dalla morte che il loro
sangue si congela e non scorre abbondantemente.
Il Bollettino Islamico  

Visited 1 times, 1 visit(s) today

Mohamed Barakat

>