Unirsi a un figlio adultero con sua madre: domande e risposte sull’Islam

Unirsi a un figlio adultero con sua madre: domande e risposte sull’Islam
La circoncisione non dovrebbe essere un ostacolo tra una persona

[ad_1]

Unirsi a un figlio adultero con sua madre: domande e risposte sull’Islam

Meno male.

Primo: le sentenze di Dio sono tutte giuste e tutti i Suoi detti sono veritieri (e la parola del tuo Signore è stata completata in verità e giustizia), veridicità nelle parole e giustizia nelle sentenze, nonché i principi religiosi e i controlli legali stabiliti nel Corano e la Sunnah e ciò su cui gli studiosi hanno concordato non lasciano spazio a dubbi e non sono aperti alla discussione per un musulmano sottomesso.
Il riferimento del musulmano per le norme della Sharia è il Corano e la Sunnah, e la comprensione del Corano e della Sunnah da parte degli studiosi affidabili, e non ciò che gli viene in mente o che approva con la sua mente. essere esposto a un dubbio che lo spinga a cercare la sentenza della Sharia, come è successo a te, fratello interrogante. Torniamo quindi alla legge della Sharia e alle parole degli studiosi:
Sull’autorità di Buraidah, che Dio sia soddisfatto di lui, che Ma’iz bin Malik al-Aslami venne dal Messaggero di Dio, che Dio lo benedica e gli conceda la pace, e disse: O Messaggero di Dio, ho fatto torto a me stesso “Ho commesso adulterio e voglio purificarmi”. Lo rimandò indietro e il giorno dopo andò da lui e gli disse: “O Messaggero di Dio, ho commesso adulterio”. Lo rimandò indietro una seconda volta, così il Messaggero di Dio, che Dio lo benedica e gli conceda la pace, inviò E la pace sia su di lui al suo popolo, e disse: “Sapete che c’è violenza nella sua mente tanto da negarla?” Essi dissero: “Noi facciamo Non lo sappiamo, tranne che egli è tra noi tra i giusti nell’animo, come vediamo.” Si perse la terza volta, così mandò anche loro a chiedere di lui, e gli dissero che non aveva niente di sbagliato o la sua mente. Quando fu la quarta volta, scavò una fossa per lui, poi ordinò che fosse lapidato. Disse, poi Al-Ghamidiya venne e disse: Messaggero di Dio, ho commesso adulterio, quindi purificami e lui la restituì. Quando arrivò il giorno dopo, lei disse: O Messaggero di Dio, perché vuoi che ritorni? Forse mi restituirai come restituisti una capra. Per Dio, Egli disse: “Sono incinta”. “No, allora va’ e partorisci.” Quando partorì, gli portò il bambino avvolto in un panno. Lei disse: “Questo è ciò che ho partorito”. Lui disse: “Va’ e allattalo finché non avrai partorito.” sono svezzati.” Sì, e quando lo svezzò, andò da lui. Con il bambino in mano aveva un pezzo di pane, e disse: “O Profeta di Dio, l’ho svezzato e lui ha mangiato il cibo. ” Così consegnò il ragazzo a un uomo musulmano, poi ordinò che fosse presa e fu sepolto. La guardò al petto e ordinò alla gente di lapidarla. Quindi Khalid ibn al-Walid le lanciò una pietra e gettò sangue sul volto di Khaled. Lui la maledisse, così lo sentì il Profeta di Dio. Possano le preghiere e la pace di Dio essere su di lui. Le consegnò i suoi insulti e disse: “Aspetta, o Khaled. Per Colui nelle cui mani è anima mia, mi sono pentito in un modo tale che se un proprietario delle tasse si fosse pentito, sarebbe stato perdonato.” Poi lo comandò. Capitolo Lei fu sepolta su di esso. * Narrato da Muslim No. 1695
Da questo hadith si può dedurre che la persona più autorizzata alla custodia del figlio adulterio è sua madre perché è la persona più vicina a lui e per la compassione della madre per il suo neonato, cosa di cui si è testimoni e nessuno nega , ma non è un obbligo: se lei lo abbandona, il tutore dei musulmani deve preparargli una balia, una badante e altro. Lui fa il suo dovere.

In secondo luogo: È grazie alla misericordia di Dio Onnipotente e alla perfezione della Sua giustizia che il bambino non è fatto sopportare l’onta dei crimini dei suoi genitori a causa dell’adulterio, e quindi gli viene concessa la libertà e ha il diritto di prendersi cura fino a quando cresce e diventa capace di guadagnare soldi.

Terzo: non è un segreto che la madre non è legalmente obbligata a provvedere al mantenimento, all’allattamento o alla custodia del figlio legittimo. Quanto al mantenimento, è uno dei doveri del padre, e quanto all’allattamento, è nell’interesse del marito, della madre o del figlio. In ogni caso, se lei si astenesse dall’allattare o chiedesse una ricompensa per questo, avrebbe diritto a tutto questo, e il padre dovrebbe allattare suo figlio, perché questa è responsabilità solo del padre, e non ha il diritto di costringere la madre a farlo.
E Dio dice: (E le madri allatteranno i loro figli per due anni interi…) il versetto. Questo avviene nel caso del lassismo, ma nel caso delle difficoltà, Dio Onnipotente ha detto: (E se lotti, un’altra donna lo allatterà).
Per quanto riguarda l’affidamento, la madre lo merita più degli altri per la sua grande compassione verso il bambino, ma se rinuncia a questo diritto, allora decade e l’affidamento viene trasferito a qualcun altro, dalla nonna o da un altro, contrariamente ad una controversia regolarmente registrata nei libri di giurisprudenza.
Se questo è il caso del figlio legittimo, è più probabile che il bambino nato da adulterio non venga né allattato né affidato… a meno che non si tema che muoia. I fardelli di questo sono sopportati solo da quelli della gente delle province o da coloro che stanno al loro posto a cui Dio tende la mano.
Questo risolve il problema. Dio sa .

Il ragazzo è per il letto e la prostituta è la pietra:
È stato menzionato nell’hadith profetico narrato dall’Imam Muslim che il Messaggero di Dio, che le preghiere di Dio e la pace siano su di lui, disse: “Il bambino è per il letto e per la prostituta è la pietra”. : La prostituta è l’adultero, e il significato di “e per la prostituta è la pietra”, significa che ha la delusione e nessun diritto sul bambino, e l’usanza degli arabi è di dire: per lui. Pietra, vogliono non sarà altro che delusione.

La discendenza del bambino dall’adulterio non è provata:
Basato sull’hadith del nobile Profeta: “Il bambino è per il letto e il lapidatore è per la prostituta.” I giuristi hanno detto che la discendenza del bambino dall’adulterio non è provata, cioè la sua discendenza dal rapporto e dall’adultero è non è provato e per questo non è imparentato con lui, hanno detto i giuristi.
Tra le affermazioni dei giuristi riguardo alla non paternità del figlio derivante da adulterio:
Primo: Ibn Hazm Al-Dhahiri disse: “Il Profeta, che le preghiere di Dio e la pace siano su di lui, negò del tutto i figli di adulterio quando lui, che la pace e le benedizioni di Dio siano su di lui, disse: ‘E il fornicatore deve essere lapidato. “Il fornicatore – cioè l’adultero – è soggetto alla punizione, quindi il bambino non sarà attaccato a lui. Il bambino sarà attaccato alla donna se lei fa sesso con lui, ma non all’uomo. Erediterà da sua madre e lei erediteranno da lui.” Poiché, pace e benedizioni su di lui, il ragazzo si unì alla donna nel maledire e lo scacciò dall’uomo.”
In secondo luogo: secondo la giurisprudenza Maliki: “L’acqua dell’adultero è viziata, e quindi il bambino non ne sarà influenzato”.
Terzo: Dalla giurisprudenza Hanafi: “Ha riconosciuto di aver commesso adulterio con una donna libera e che questo bambino è suo figlio di adulterio e la donna gli ha creduto, quindi la discendenza non può essere provata da nessuno dei due a causa delle sue parole, pace e benedizioni sia su di lui: “Il bambino è per il letto e la prostituta ha la pietra” e non c’è letto per l’adultero, e il Messaggero di Dio, che le preghiere di Dio e la pace siano su di lui, lo ha fatto. La parte dell’adultero è solo una pietra, e ciò che si intende qui è che il fornicatore non ha alcuna parte di lignaggio…”

Un figlio nato da adulterio si lega a una donna adultera:
Il figlio dell’adulterio non è attaccato all’uomo adultero, come abbiamo accennato, ma piuttosto è attaccato alla donna adultera che lo ha partorito se è dimostrato che è stata lei a partorirlo, come si legge in “Al-Mabsoot”. di Al-Sarkhsi: “Ha riconosciuto di aver commesso adulterio con una donna libera e che questo bambino è suo figlio di adulterio e la donna gli ha creduto, poiché la discendenza non è provata da una sola persona”. pace a lui: “Il bambino è per il letto e la pietra è per la prostituta” e non c’è letto per l’adultero… Se la levatrice testimonia – cioè testimonia la sua nascita – la discendenza del bambino è provato dalla donna e non dall’uomo, perché la discendenza da lei è provata dalla nascita e ciò è dimostrato dalla testimonianza della levatrice, perché la separazione del bambino da lei è evidente, quindi questo è provato. “Discendenza da lei ”
Il matrimonio di un adultero con il suo adulterio e il suo effetto sulla stirpe del bambino:
Si afferma in “Al-Fatawa al-Hindi” nella giurisprudenza Hanafi: “Se commette adulterio con una donna e lei rimane incinta e poi la sposa e lei partorisce, se lo porta con sé per sei mesi o più, il suo la sua discendenza è provata, e se lei lo dà alla luce per meno di sei mesi, la sua discendenza non è provata a meno che lui non lo affermi – cioè, affermi che questo bambino è suo figlio – Non ha detto che proveniva da fornicazione, ma se dicesse di aver avuto seme di fornicazione, allora la sua discendenza non è provata e non erediterebbe da lui”.
È stato affermato in “Al-Mughni” di Ibn Qudamah Al-Hanbali: “Il figlio di una persona maledetta si unirà alla persona maledetta se lo merita, e il figlio dell’adulterio non si unirà all’adultero – cioè, l’adultero si unirà a lui”. non unirsi al figlio dell’adulterio se lo merita – secondo l’opinione della maggioranza.
Ciò che è più probabile è che il figlio dell’adulterio non dimostri la sua discendenza dall’adultero, sia che abbia sposato la sua adultera mentre era incinta e lei abbia dato alla luce un figlio a meno di sei mesi dal momento del contratto di matrimonio, sia che non si sia sposato lei e lei partorì un figlio. Ma se egli lo rivendica come sua discendenza e non dice che è stato suo figlio a causa di adulterio, allora la sua discendenza è provata secondo le norme di questo mondo. Allo stesso modo, se sposa la sua prostituta e lei è incinta di lui a causa di adulterio, e lei genera un figlio per meno del periodo minimo di gravidanza, e lui tace o lo reclama e non dice che è per adulterio, allora la sua discendenza è stabilita nelle sentenze di questo mondo.

[ad_2]
Source link

Visited 4 times, 1 visit(s) today

Mohamed Barakat

>