Umar ibn Al-Khatab – Storie della Sahabah

Umar ibn Al-Khatab – Storie della  Sahabah
Umar ibn Al Khatab

Umar ibn Al-Khatab

Umar ibn Al-Khatab
Umar ibn Al-Khatab

La storia e la vita di Al Farooq Umar Umar Ibn
Al-Khattab è una bella storia da conoscere e condividere con gli altri. E ‘una grande parte della storia
della nostra religione, l’Islam.
Conosciuto come Abu Hafs, il suo nome completo
era Umar ibn Al-Khattab ibn Nufayl ibn Abdul
Uzza. Il suo soprannome Al Farooq (il Criterio) gli
fu dato per il modo in cui mostrò la sua forza in
Makkah e si distinse per la sua fede in Allah.
Suo nonno, Nufayl, era quello a cui Quraysh
si riferiva per giudizio e i suoi genitori erano
Al-Khattab ibn Nufayl e Hantamah bint Hashim
bin Al Mugheeraj. I suoi antenati hanno avuto una
storia eccezionale e Umar ha ereditato il loro status
e una grande conoscenza da loro.
Nato nel 583 d.C., Umar divenne alto, muscoloso e forte, con una carnagione chiara e rossiccia.
E ‘stato scritto che ha camminato velocemente,
ha parlato chiaramente e che un colpo da lui ha
causato dolore.
La sua prima vita
Cresciuto a Quraysh, i suoi anni formativi sono
stati negli anni preislamici. A differenza della maggior parte delle persone di Quraysh, aveva imparato a leggere, ma aveva un’educazione dura e senza
lussi. Qualcosa che gli ha lasciato un segno in tutta
la sua vita è stato il modo duro in cui è stato trattato da suo padre che lo ha costretto a prendersi cura
dei cammelli e del bestiame.
Oltre a lavorare con il bestiame di famiglia, cosa
che gli ha insegnato la moderazione, la pazienza e
la durezza, Umar eccelleva anche nello sport durante la sua giovinezza. Era particolarmente bravo
nel wrestling, nella corsa e nell’equitazione. Le sue
doti e i suoi interessi non si fermarono qui, poiché
si divertiva ad ascoltare e raccontare la poesia, la
storia e aveva un grande interesse per le preoccupazioni delle persone intorno a lui

Nel corso degli anni, Umar si è recato alle fiere
della regione, tra cui Siria e Yemen, dove ha colto
l’occasione per conoscere meglio la storia della
nazione araba, ma anche per fare di lui uno degli
uomini più ricchi di Makkah. L’intelligenza di
Umar unita al suo status, che è venuto attraverso
la sua famiglia, è stato il motivo per cui molte
persone lo hanno cercato per aiutare a risolvere le
controversie. Eloquente, ben parlato, persuasivo
e rispettabile, Umar fu l’ambasciatore scelto di
Quraysh. Il suo dovere era quello di parlare per
loro davanti ad altre tribù o di agire come ambasciatore in caso di conflitto.
Dopo aver vissuto l’epoca pre-islamica, Umar ha
rispettato la vera natura, i costumi e le tradizioni
delle sue religioni e le ha difese con tutte le sue
forze. Entrando nell’Islam, egli ne riconobbe immediatamente la bellezza e la vera natura.
La sua conversione all’Islam
Quando Umar aveva 27 anni il Santo Profeta
(PBUH) iniziò la sua missione ma Umar non si
preoccupò del messaggio dell’Islam. Divenne più
arrabbiato con il passare degli anni e si rese conto
che l’Islam stava guadagnando terreno.
Era il sesto anno della missione, quando alcuni
convertiti musulmani sono partiti per l’Abissinia per paura di persecuzioni, e Umar bolliva di
rabbia. Egli considerava il Santo Profeta (PBUH),
che chiedeva al popolo di credere in un solo Dio
e di rifiutare tutto ciò che prima conosceva, come
l’unico responsabile della divisione delle persone
che fino a pochi anni prima avevano vissuto
abbastanza bene. Suo cugino, Umm Abdullah
bin Hantamh fu incluso nel gruppo che stava per
partire, e questo lo aggravò ulteriormente. Causò
a Umar un grande dolore nel vedere tante famiglie
distrutte e tutte le persone che lasciavano le loro
case ancestrali per seguire Muhammad (SAW).
“È apparso sulla scena”, pensava a se stesso, “e ha
strappato il figlio dal padre e il fratello dal fratello.
Ora i suoi seguaci sono scappati in un’altra terra.
Sicuramente, Muhammad è la causa di tutti i
prob-lemi. Devo ucciderlo e porre fine ai guai”.
Dopo una notte insonne, nelle prime ore del mattino, uscì fuori per trovare e uccidere il Santo Profeta (PBUH). Umar lo notò mentre camminava
verso il Kabah. Mentre Umar guardava
Muhammad (SAW), camminando a passo
costante, gli balenò davanti una scena della sera
precedente e ricorda-va la sua conversazione con
Umm Abdullah.

“Sì, Umar, ce ne andiamo. Hai reso la vita insopportabile per noi. Il nostro unico crimine è stato
quello di credere nell’unico Dio. Abbiamo piena
fiducia in Lui. Sappiamo che Egli ci guiderà e ci
proteggerà per permetterci di servirlo e adorarlo in
pace”. Aveva aperto la bocca per maledirlo, ma si
stupì di scoprire che i suoi occhi si erano riempiti
di lacrime e pronunciò le parole: “Che Allah sia
con voi”. Sconcertato, Umm Abdullah non poteva
credere a ciò che aveva appena sentito dalla bocca
di suo cugino indurito. Vide una morbidezza che
non aveva mai visto prima.
Mentre si avvicinava a Muhammad (SAW), Umar
notò che si trovava già nell’Haram, rivolto a nord
verso Gerusalemme e stava pregando e glorificando Dio. Ormai era curioso di scoprire cosa stava
facendo sì che la gente seguisse quest’uomo.
Mentre Umar ascoltava le parole pronunciate da
Muhammad, fu colpito dal loro potere e da come
essi distoglievano i suoi pensieri dalla sua rabbia.
Egli riconobbe la sincerità e l’integrità di Muhammed e lo lasciò nel pensiero profondo. Entrando
nella sua casa mentre le prime luci dell’alba apparivano nel cielo, i suoi pensieri erano invischiati e si
sentiva confuso.
Umar finalmente andò a dormire, ma si svegliò di
nuovo indurito e fu deciso a completare ciò che
aveva iniziato prima. Mentre andava avanti con la
sua spada, incontrò un altro cugino, Sa’ad bin Abi
Waggs. Quando Umar gli disse che stava per finire
Muhammed, suo cugino gli disse: “È meglio che
prima metti in ordine la tua casa. Tua sorella e tuo
cognato hanno entrambi accettato l’Islam”. Umar
volò verso la casa di sua sorella in preda alla rabbia.
Lo lasciò entrare dopo che Khabbab (RA), che
stava pregando con la famiglia, riuscì a
nascondersi ma ha dimenticò i suoi manoscritti
aperti. Iniziò a litigare con il cognato. Quando sua
sorella venne a salvare il marito, iniziò anche lui
a litigare con lei. Eppure continuavano ancora a
dire: “Potete ucciderci, ma noi non rinunceremo
all’Islam”.
Dopo aver sentito queste parole, Umar schiaffeggiò
sua sorella a tal punto che cadde a terra e sanguinò
dalla sua bocca. Quando vide quello che aveva
fatto a sua sorella, si calmò per il senso di colpa e
chiese a sua sorella di dargli quello che lei recitava. Sua sorella rispose in negativo e disse: “Tu sei
impuro, e nessuna persona impura può toccare la
Scrittura”. Ha insistito, ma sua sorella era determinata a non permettergli di toccare le pagine a
meno che non avesse lavato il suo corpo. Umar
alla fine si arrese. Si lavò il corpo e poi i suoi occhi
caddero su Surat Taha.

“In verità, io sono Allah. Non c’è nessun Dio
all’infuori di me, quindi servitemi e pregate
regolarmente per il mio ricordo”. (Corano
20:14)
In quel momento il timore di Allah afferrò il suo
cuore ed egli pianse, come ha dichiarato: “Questa è
sicuramente la parola di Allah”. Sono testimone che
Muhammad sia il Messaggero di Allah”. Khabbab volò via da dove si nascondeva e disse: “O,
Umar, lieta novella per voi! Ieri il Profeta ha pregato ad Allah: O Allah! Rafforza l’Islam con Umar o
Abu Jahl, chiunque tu voglia”. Sembra che la sua
preghiera abbia avuto risposta in tuo favore”.
Mentre il Profeta (PBUH) era seduto in compagnia di alcuni uomini santi, vide Umar avvicinarsi
a lui. “Umar, cosa ti porta qui?” chiese. “O profeta di Allah! Sono venuto ad abbracciare l’Islam”.
L’aria della Mecca era piena di grida di gioia da
parte del Profeta Mohammad (PBUH) e dei suoi
seguaci: “Allah è grande!
Umar dichiarò la sua conversione all’Islam e poi
riunì tutti i capi di Makkah. Egli annunciò loro la
sua conversione all’Islam e sebbene fossero scioccati e arrabbiati non osavano rimproverarlo per la sua
fede. Al Farooq divenne il suo nome tra i credenti
perché non aveva paura di proclamare apertamente la sua fede. Umar chiese che il Santo Profeta
potesse pregare al Kabah. Fu la prima grande congregazione di persone intorno al Kabah e la prima
preghiera di questo tipo in assoluto.
La conversione di Umar (RA) ha fatto la differenza
per l’Islam. Fino ad allora, i musulmani avevano
vissuto nella costante paura dei non credenti. Alcuni di loro non avevano nemmeno fatto conoscere
la loro fede al popolo. Non potevano dire pubblicamente le loro preghiere. Tutto questo è cambiato
quando Umar (RA) è diventato musulmano.
A differenza di altri musulmani che emigrarono
segretamente a Medina, quando Umar se ne andò
per la prima volta alla Kaaba, completamente
armato, per pregare. Dopo aver pregato gridò ai
capi: “Parto per Medina. Se qualcuno vuole fermarmi, che mi incontri dall’altra parte della valle.
Sua madre dovrà certamente piangere per lui nel
dolore”.
Dedicato al Profeta (PBUH), Umar (RA) gli è
stato vicino in tutte le sue battaglie e spedizioni.
Da quel giorno non ci furono più legami di sangue
o amicizie tra il suo amore per Allah e il suo
apostolo.

Alla morte del Profeta (PBUH), Umar (RA) era
sotto shock e minacciava di decapitare chiunque
avesse detto che il Messaggero di Allah era morto.
Il suo dolore era travolgente e temeva per quello
che sarebbe successo all’Islam e ai musulmani. Abu
Bakr (RA) gli ricordò il verso del Corano e recitando questi versi Umar (RA) tornò in sé.
“Muhammad non è altro che un Messaggero:
molti erano i Messaggeri che morirono prima di
lui. Se è morto o è stato ucciso, tornerai indietro
sui suoi talloni? Se qualcuno volta i talloni, non
farà il minimo danno ad Allah”. (Corano 3:144)
Durante il suo califfato, Abu Bakr (RA) dipendeva
da Umar (RA) per un consiglio a causa dell’alta
opinione che il Santo Profeta (PBUH) aveva avuto
anche per Umar (RA) durante la sua vita.
La nomina di Umar a successore di Abu Bakr
Quando Abu Bakr seppe che stava per passare, chiamò le persone e chiese loro di aiutarlo a nominare
il suo successore. Gli hanno affidato la questione
nelle sue mani e lui ha deciso che, dopo molte riflessioni e preghiere, stava nominando Umar come
loro nuovo leader. Abu Baker chiese alla gente di
ascoltare e obbedire a Umar.
Umar (RA) successe ad Abu Bakr come secondo
califfo il 23 agosto 634 d.C. e divenne noto per la
sua giustizia verso tutti i popoli, musulmani e non
musulmani e fu il primo califfo ad essere nominato
“Principe dei credenti”. Fu il secondo dei califfi
giustamente guidati. Durante il suo regno, l’Impero islamico si espanse in Iraq, Egitto, Libia, Persia,
Khurassan, Anatolia orientale, Armenia meridionale e Sajistan. Per la prima volta portò Gerusalemme (la terza città più santa dell’Islam) sotto
l’Impero musulmano. Umar ha protetto l’unità
dello stato, anche se si trattava di una popolazione
crescente di etnie diverse attraverso la sua saggezza
politica e le sue capacità amministrative.
Sono state scritte molte belle storie sul contributo di Umar al suo prossimo. Ha vissuto una vita
austera e si è preoccupato profondamente per la
comunità dei credenti. Non poteva sopportare il
pensiero di persone che soffrono la fame, il che lo
portò a perlustrare le strade giorno e notte per vedere se la sua gente aveva bisogno. In tutti gli anni
del suo regno, andava in giro per la città di notte
per aiutare le persone con problemi o dare consigli.
Realizzazioni di Umar
Il calendario Hijri
Nel 638, sei anni dopo la morte del profeta
Muhammed metto, il secondo califfo dell’Islam,
‘Umar, rico-nosce la necessità di un calendario
per governare gli affari dei musulmani. Si trattava
prima di tutto di una questione pratica. La
corrispondenza con i funzionari militari e civili nelle terre appena
conquistate doveva essere datata. Ma la Persia
usava un calendario diverso da quello della
Siria, dove si trovava il califfato; l’Egitto ne usava un altro ancora. Ognuno di questi calendari
aveva un diverso punto di partenza, o epoca.
In Arabia preislamica, erano stati usati vari altri
sistemi di misurazione del tempo. In Arabia del
Sud, alcuni calendari erano apparentemente lunari, mentre altri erano lunari, utilizzando mesi
basati sulle fasi lunari ma intercalando i giorni
al di fuori del ciclo lunare per sincronizzare il
calendario con le stagioni. Alla vigilia dell’Islam, gli Himyariti sembrano aver usato un
calendario basato sulla forma giuliana, ma con
un’epoca di 110 bce. Nell’Arabia centrale, il
corso dell’anno è stato stabilito dalla posizione
delle stelle rispetto all’orizzonte al tramonto o
all’alba, dividendo l’eclittica in 28 parti uguali
corrispondenti alla posizione della luna in ogni
notte successiva del mese. I nomi dei mesi di
quel calendario sono continuati nel calendario
islamico fino ad oggi e sembrerebbe indicare
che, prima dell’Islam, era in uso una sorta di
calendario lunisolare, sebbene non si sappia che
abbia avuto un’epoca diversa da eventi locali
memorabili.
C’erano altre due ragioni: “Umar ha rifiutato i
calendari solari esistenti. Il Corano, nel capitolo
10, versetto 5, afferma che il tempo dovrebbe
essere calcolato dalla luna. Non solo, i calendari
usati da persiani, siriani ed egiziani sono stati
identificati con altre religioni e culture. Ha
quindi deciso di creare un calendario specifico
per la comunità musulmana. Sarebbe lunare, e
avrebbe 12 mesi, con 29 o 30 giorni ciascuno.
Questo dà all’anno lunare 354 giorni, 11 giorni
in meno dell’anno solare. Umar ha scelto come
epoca per il nuovo calendario musulmano
l’hijra, l’emigrazione del profeta Muhammed e
70 musulmani da Makkah a Madinah, dove i
musulmani hanno raggiunto per primi l’autonomia religiosa e politica.
L’hijra così si è verificato il 1 Muharram
dell’anno 1 secondo il calendario islamico,
che è stato chiamato “hijri” dopo la sua epoca.
(Questa data corrisponde al 16 luglio 622 ce,
nel calendario gregoriano.) Oggi in Occidente,
quando si scrivono le date hijri, è consuetudine
usare l’abbreviazione ah, che sta per il latino
anno hegirae, “anno dell’hijra. Poiché il calendario lunare islamico è di 11 giorni
più breve del solare, non è quindi sincronizzato
con le stagioni. Le sue feste, che cadono negli stessi
giorni degli stessi mesi lunari ogni anno, fanno
il giro delle stagioni ogni 33 anni solari. Questa
differenza di 11 giorni tra l’anno lunare e l’anno
solare spiega la difficoltà di convertire le date da un
sistema all’altro.
Conversione di anni e date
Le seguenti equazioni convertono approssimativamente da gregoriano a anni hijri e viceversa. Tuttavia, i risultati possono essere leggermente fuorvianti: Ti dicono solo l’anno in cui inizia l’anno
dell’altro calendario. Per esempio, il 2018 Gregoriano inizia a Rabi’ II, il quarto mese dell’hijri 1439,
e termina nello stesso mese dell’hijri 1440.
Anno gregoriano = [(32 x anno hijri) ÷ 33] + 622
Hijri anno = [(anno gregoriano – 622) x 33] ÷ 32
Le calcolatrici online possono essere trovate
cercando “Gregorian-hijri calendar calculator” o
termini simili.
Il martirio di Umar
Una mattina Umar (RA) si recò come al solito alla
moschea per condurre la preghiera. Abu Lolo era
già nascosto nell’angolo, con un pugnale in mano.
Non appena Umar (RA) ha iniziato la preghiera,
l’assassino gli è saltato addosso. Ha dato sei tagli
con il pugnale sul corpo del Califfo. I fedeli inorriditi hanno sopraffatto l’assassino. Allora il miserabile si uccise con lo stesso pugnale.
Umar (RA) rimase sdraiato in una pozza di sangue
fino alla fine della preghiera. Poi fu portato a casa.
“Chi è il mio assassino”, chiese. “Abu Lolo”, disse
la gente. “Allah sia ringraziato” disse Umar (RA).
“Non è un musulmano che ha versato il mio
sangue”.
Un medico è stato chiamato per vestire e curare le
ferite del Califfo. Diceva che erano troppo profonde per essere guarite. A questo molte persone
che stavano in piedi intorno cominciarono a
piangere.
“Per favore, non piangete”, implorò Umar (RA).
“Non avete sentito il Messaggero di Allah dire che
il pianto dei parenti si aggiunge alla tortura del
defunto?
Trovando la sua fine in vista, Umar (RA) chiamòsuo figlio, Abdullah. “Figlio Mio”, disse, “va’ ad
Aisha. Dalle i saluti di Umar (RA). Non chiamarmi Comandante dei Fedeli, perché non sono
più una sola persona. Mettete davanti a lei il mio
desiderio di essere sepolto al fianco del Profeta
(PBUH) e del mio illustre predecessore”. Abdullah trovò Aisha che piangeva. Le consegnò
il messaggio di suo padre. “Volevo riservare questo
posto per la mia tomba, ma preferisco Umar (RA)
a me stesso”, disse Aisha.
Abdullah trasmise il consenso di Aisha al padre
morente.
“Allah sia ringraziato” disse Umar (RA). “Questo
è stato il più grande desiderio della mia vita. Ma
guarda, figliolo, quando prendi il mio cadavere
per essere sepolto, salutala di nuovo e chiedile il
permesso. Se lei lo permette, seppelliscimi lì, altrimenti seppelliscimi nel cimitero di Medina”.
Mentre la fine si avvicinava, Umar (RA) cominciò
a piangere per il timore di Allah. “Figlio mio”,
disse ad Abdullah, “aiutami a mettere la fronte a
terra”.
Pace a Umar ibn Al-Khattab

“Paura di Allah, perché Egli solo vive; tutte le
altre cose rischiano di perire. – Umar

Visited 11 times, 1 visit(s) today

Mohamed Barakat

>