Il prolungamento della pausa temporanea a Gaza deve essere un cessate

Il prolungamento della pausa temporanea a Gaza deve essere un cessate
Il prolungamento della pausa temporanea a Gaza deve essere un

[ad_1]

La proroga dell’accordo di tregua temporanea è benvenuta, ma ora deve rappresentare un altro passo verso un cessate il fuoco permanente.

La tregua ha assicurato la pausa nei bombardamenti sui civili a Gaza per la prima volta in sette settimane, e il rilascio sicuro di alcuni ostaggi e bambini detenuti.

Ma gli aiuti concessi a Gaza negli ultimi giorni sono tristemente insufficienti per affrontare questa catastrofe umanitaria e molti civili rischiano di morire di fame e malattie. I bisogni umanitari sono enormi e un paio di giorni in più non sono sufficienti per fare una grande differenza.

Negli ultimi giorni, agli sfollati nel sud di Gaza non è stato ancora permesso di tornare a nord e, secondo quanto riferito, se ci provavano erano bersaglio di colpi di arma da fuoco. Le persone continuano a vivere nella paura di cosa avverrà allo scadere di quest’ultima estensione della tregua.

C’è un disperato bisogno di un cessate il fuoco permanente e della fine dell’assedio di Israele su Gaza, in modo che gli aiuti umanitari possano arrivare nella misura necessaria per affrontare questa crisi.

Gaza è in rovina, con quasi la metà delle case danneggiate o distrutte e le scorte di cibo, medicine e acqua ancora criticamente basse. Tre quarti degli ospedali non funzionano più e alcune persone sono sull’orlo della fame perché nelle ultime sette settimane è stato consentito l’ingresso a poco cibo.

Più di 1,7 milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case, molti di loro cercano protezione in rifugi gravemente sovraffollati dove le malattie si diffondono rapidamente mentre i bambini dormono fuori sotto la pioggia e centinaia di persone condividono un unico bagno.



[ad_2]
Source link

Visited 1 times, 1 visit(s) today

Mohamed Barakat

>